EMERGENZA CORONAVIRUS (ATTIVITÀ APERTE E CONSEGNE A DOMICILIO ) Segnalaci la tua attività Guarda tutte le attività
9 Novembre 2013

Grasso: “La mafia va combattuta con la globalizzazione della legalità”

Tempo medio di lettura: 2 minuti

L’economia illegale è un fenomeno globale a cui andrebbe contrapposta la “globalizazione della legalità”.

Pietro Grasso, il presidente del Senato della Repubblica (blogsicilia.it)

Pietro Grasso, il presidente del Senato della Repubblica (blogsicilia.it)

Lo ha detto il presidente del Senato Pietro Grasso, intervenuto oggi a palazzo Giustiniani alla presentazione dell’ultimo numero delle rivista “Limes”, dedicato al “Circuito delle mafie”. La mondializzazione delle mafie, “è ormai un dato scontato”, ha osservato Grasso che ha passato 43 anni in prima linea come magistrato alla lotta alla criminalità, quindi la definizione “circuito delle mafie” è perfettamente centrato, poiché “illumina un’accezione moderna del fenomeno mafioso che non si esaurisce in una questione di ordine pubblico interna agli Stati ma ha invece un carattere molto più ampio: politico, geopolitico, economico”.

Globale al punto tale da avere la capacità di influenzare i rapporti fra gli Stati, corrodere la democrazia, inquinare l’economia. “I fenomeni criminali cambiano ad una velocità inusitata. E’ una conferma della loro straordinaria capacità adattiva ai cambiamenti del mondo esterno, alla globalizzazione, che evolve a ritmo frenetico. La globalizzazione dell’economia – ha detto Grasso – ha cambiato il volto al crimine organizzato che è sempre più simile ad un’impresa commerciale transnazionale, caratterizzata dal multi-traffico, cioè dalla fornitura simultanea di diverse tipologie di beni e servizi illegali. La criminalità organizzata ha raggiunto proporzioni macroeconomiche”.

“E’ compito delle istituzioni – ha aggiunto il presidente del Senato – riaffermare il ruolo e la forza della decisione politica, perseguendo politiche pubbliche capaci di operare su quelle condizioni sociali, economiche e culturali che maggiormente favoriscono il radicamento delle mafie. In Italia, ci sono molti cambiamenti in atto che tendono a colpire la mafia non solo nella sua dimensione criminale, ma anche in quella sociale”.

“La lotta alla mafia – ha detto ancora Grasso – non può essere solo una battaglia di ideali; dobbiamo intervenire sulle condizioni di sviluppo, sulla capacità dei territori locali di attrarre investimenti e risorse professionali” e “proseguire con coraggio nei programmi educativi contro la mafia, operando innanzitutto sulla famiglia e sulla scuola, che rappresentano gli ambiti di intervento prioritari. Come diceva Antonio Caponnetto: La mafia teme la scuola più della giustizia perché l’istruzione taglia l’erba sotto i piedi della cultura mafiosa”.

La mafia si può e si deve sconfiggere, è la convinzione di Grasso. “Il dovere delle istituzioni è creare valide alternative all’azione criminale, dobbiamo rendere la mafia superflua, spezzando quel consenso che la necessità sociale genera nei suoi confronti. Questo sarà possibile solo ricostruendo quel rapporto di fiducia tra politica e cittadini attraverso la cura dell’interesse collettivo”. C’è poi la questione etica, che oggi più che mai appare centrale.

“La crisi della legalità è innanzitutto una crisi dell’etica pubblica e privata: nasce infatti dal radicamento, e prima ancora dall’accettazione sociale, di comportamenti quali la corruzione, il lavoro nero, l’evasione e l’elusione fiscale, l’economia sommersa. Non possiamo più tollerare che il bene comune venga quotidianamente offeso dalla ricerca a tutti i costi del beneficio individuale. Solo se mossi da questo senso di responsabilità sociale prima ancora che professionale, potremmo liberarci da quelle catene e dai vincoli che il radicamento di comportamenti scorretti sul piano etico -ha concluso Grasso- quotidianamente pone sul nostro cammino”. (adnkronos.it)

Vuoi lasciare un commento? | 0

I commenti sono chiusi.

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127